Spritz

Spritz Cocktail Spritz Cocktail

La ricetta dello Spritz classico

Parliamo dello Spritz, uno dei cocktail più bevuti è più amati in Italia. Cominciamo con la ricetta classica e poi con la mia variante, rappresentata nella fotografia più in basso.

Ingredienti dello Spritz classico

  • 2 parti di Aperol
  • 3 parti di prosecco
  • Soda
  • Mezza fettina d’arancia

Preparazione

Versare in un bicchiere, seguendo questo ordine, ghiaccio, prosecco, acqua frizzante e Aperol per ottenere una bevanda rossastra con sapore omogeneo. Girare con una cucchiaino e servire guarnendo con un'arancia.

Lo Spritz Cocktail di Mr. CoquetelleLa variante dello Spritz di Monsieur Coquetelle

Per non essere ripetitivi e presentare sempre il noto Spritz Aperol, o quello con il Campari, ormai molto diffusi, ogni tanto mi piace servire lo Spritz nella maniera originale, che è quella con il Cynar. La preparo così: in un flûte con un cubetto di ghiaccio verso il Cynar, il vino bianco secco, uno Spriss di seltz e lo guarnisco con peel di limone ed oliva verde.

La storia dello Spritz

Questo Cocktail trova le sue origini nell'abitudine veneta di mescolare vino e acqua per renderlo più leggero, passando poi dagli austriaci che, durante il periodo di dominazione asburgica in Italia, danno un nome a questo tipo di bevanda (da spritzen che significa spruzzare in tedesco) per arrivare, infine, ad Aperol che dal 1919 ha reso nazionale una classica "merenda". Perchè parlo di "merenda"? La Serenissima al tempo aveva particolare cura dei sui "arsenalotti": a loro era concessa, a metà pomeriggio, una piccola pausa in cui venivano serviti pane e vino rosso per ritemprare gli operai dalla fatica del lavoro, mentre con la calura dei mesi estivi, il tutto veniva sostituito con gallette e una bevanda a base di vino allungata con un po' di acqua di pozzo.

Una vera ricetta non esiste, ma ci sono varianti da città a città e diverse interpretazioni di colleghi, ciascuno con una sua preparazione particolare.
Il comune denominatore è: prosecco e seltz con aggiunta di una bevanda alcolica ed amaricante con conclusione di una profumata fetta di arancia o limone oppure una succosa oliva.

Personalmente ho un ricordo molto vivo e affettivo di questo cocktail che ho scoperto grazie ad un carissimo amico veneto più di 15 anni fa in Piazza delle Erbe, in pieno centro a Padova.
Last modified onMartedì, 18 Novembre 2014 17:55
More in this category: Negroni »

Leave a comment

Make sure you enter the (*) required information where indicated. HTML code is not allowed.

Su questo sito usiamo i cookies, anche di terze parti. Navigandolo accetti.